Allegri, teneri e spontanei. I paggetti e le damigelle, importanti dal punto di vista scenografico, impreziosiscono l’intero quadro delle nozze e regalano sorrisi e buon umore a tutti gli invitati! Già nei cortei di nozze cantati dai poeti latini si ha traccia di questi splendidi bambini che accompagnavano la sposa al tempio, sorreggendo le fiaccole accese ed intonando l’inno ad Imeneo, Dio delle nozze.

Quest’usanza si consolida nella tradizione anglosassone, dove notiamo lapresen16517-Flower-Girl-And-Ringbearerza delle FlowerGirl, bambine di e
tà compresa tra i 3 ed i 6 anni a cui è stato affidato il compito di spargere i petali di fiori al passaggio della sposa, e dei RingBearer, maschietti il cui incarico ufficiale è quello di portare il cuscino con le fedi.

In Italia la situazione è un po’ diversa. Innanzitutto le damigelle ed i paggetti sono i figli, ancora in età infantile (3 – 10 anni), di amici, parenti o, in alcuni casi, anche figli propri, a cui si da il compito di “aprire le porte della chiesa” alla sposa e di rallegrare la festa. Il loro numero può variare, ma si preferisce scegliere sempre un numero pari, da 2 fino ad un massimo di 8.

 

RUOLI DI DAMIGELLE E PAGGETTI

Non ci sono incarichi ben precisi: la presenza dei bambini regala spontaneità all’intero evento.

corteo_entrata_in_chiesa

Nei matrimoni formali, prima della cerimonia, i paggetti precedono la sposa all’entrata della chiesa e, disposti a due a due, portano gli anelli nuziali su un morbido cuscinetto di velluto oppure su di un piatto d’argento. Le damigelle, invece, seguono il corteo nuziale sorreggendo il velo della sposa e sistemandole il vestito quando sarà seduta. Durante la cerimonia i bimbi possono sedersi accanto ai testimoni di nozze, oppure potranno raggiungere i genitori tra i banchi della chiesa. Terminata la cerimonia, durante il ricevimento, il compito dei bambini sarà quello di aiutare gli sposi nella distribuzione delle bomboniere e dei confetti.

Ovviamente è importante spiegare loro, qualche giorno prima della cerimonia, quale sarà il loro compito e l’atteggiamento da assumere durante l’intero evento.

 

CREARE L’OUTFIT PERFETTO!

L’abbigliamento di damigelle e paggetti è molto importante, in quanto la presenza di questi piccoli protagonisti contribuisce a rendere magica l’atmosfera della cerimonia. I loro abiti riprenderanno quelli degli sposi, affinchè tutto sia coerente con il tema del matrimonio e della cerimonia. L’abbigliamento viene scelto insieme alla sposa, che contribuirà alla spesa, facendosene carico.

damigelle-e-paggetti

Le Damigelle possono indossare un abito dalle tonalità molto calde e sobrie, quindi pastello, evitando i colori troppo forti e scuri. Se il matrimonio si terrà in una stagione fredda, il tessuto dell’abito dovrà essere di velluto o flanella; se, invece, sarà nei mesi caldi, si opterà per l’organza, il cotone e tulle. Le gonne delle damigelle devono essere molto ampie, impreziosite da ricami e fiori e che riprendano le decorazioni dell’abito della sposa. La piccola, se voi lo desiderate, può portare un piccolo bouquet con fiori. L’acconciatura dei capelli sarà arricchita anch’essa con fiorellini o con coroncine che renderanno prezioso l’intero outfit della bimba. Le scarpe dovranno essere comode e morbide, come ballerine o sandaletti, in quanto anche le piccole damigelle, così come gli sposi, avranno tanto da camminare. Per abituare i piedini, sarebbe opportuno farle indossare qualche giorno prima del matrimonio, così da privilegiare la comodità.

L’abito da indossare dai Paggetti, così come quello delle damigelle, dovrà essere simile a quello dello sposo: pantalone, camicetta, giacca, con papillon o cravattina abbinata. E’ preferibile un colore scuro, o colorato se anche quello dello sposo lo è. Anche per i maschietti è importante scegliere delle scarpe molto comode.

Commenti

commenti