Al primo incontro con la coppia, superato il momento delle presentazioni, normalmente inizia la fase conoscitiva che rappresenta lo specchio dei desideri per il loro matrimonio. Da questa fase insieme si genera quasi automaticamente una lista di punti importanti per l’ allestimento del loro evento, rito civile o religioso e location. Spesso l’auto resta sempre in fondo alla mia lista perché oggi, noi del settore, la consideriamo una cosa poco importante anche se è la cosa che tutti notano quando arriva la sposa alla cerimonia. In ordine infatti di solito accade così, lo sguardo si posa sull’auto, poi le scarpe, il bouquet e finalmente lei che raggiante esce allo scoperto…
Non consiglio mai auto sontuose o moderne, piuttosto leggere nel loro design e magari vintage, insomma, mezzi che abbiamo personalità e storia. La decorazione dell’ auto spesso si estende nella cappelliera, fuori sul baule, all’ esterno sul cofano, ma tutte queste cose ormai per quanto mi riguarda sono superate! Per quanto mi riguarda mi rapporto all’argomento verso un tipo di allestimento, più semplice, leggero e poco invasivo.
Come?
Realizzo delle piccole corolle di edera selvatica chiuse da un nastro di raso bianco da legare attorno agli specchietti retrovisori, oppure compongo delle lunghe corolle di gypsophila da legare in alcuni punti strategici, come il bordo del vetro anteriore o quello posteriore, oppure intorno ai paraurti.. Taglio del raso bianco o avorio in varie misure e li lego agli specchietti retrovisori laterali, creando mazzi di raso in frange, inserendo qua e là qualche goccia di cristallo recuperata in qualche mercatino del vintage. La parola d’ ordine è “semplicità”, e spesso ci si perde a coordinare corredi di colori in tutti i punti da allestire, pensando di dare continuità usando sempre lo stesso fiore. Ma a volte il bianco totale si accosta perfettamente a qualsiasi tipo di allestimento o colore voi abbiate scelto, anche perché la resistenza del fiore, soprattutto in estate, è più delicata e lavorando con fiori che non possono stare in acqua o nella spugna; è sempre consigliabile usare fiori che resistono, sia alle temperature elevate estive, che alla velocità dell’auto, e la gypsophila ha una resistenza incredibile ma… guai a mischiarla ad altri fiori o colori diventa immediatamente anni 80/90! Lasciatela sola nella decorazione saprà essere semplice e chic, oppure usate una bella base di verde variopinta e accostate degli origami, fiori fatti in carta… Aggiungete poi all’interno dell’ auto una profumazione che vi stia a cuore, così da unire alla semplicità della decorazione, una fragranza che vi accompagnerà verso il vostro giorno più speciale.

 

 

Davide Salzano

Commenti

commenti