Brad Pitt e Angelina Jolie si sono sposati per amore, certo. Ma siccome, soprattutto a Hollywood, l’amore non si sa quanto può durare, anche loro hanno deciso di firmare un dettagliatissimo contratto prematrimoniale. E pare che i continui rinvii del matrimonio, annunciato da mesi e celebrato solo il 23 agosto scorso a sorpresa, siano stati dovuti proprio al lungo lavoro degli avvocati sul documento che Pitt e Jolie hanno dovuto firmare prima del fatidico “sì”. Pare che il più penalizzato sia stato proprio Brad Pitt: nel caso in cui Brad dovesse avere altre relazioni al di fuori del matrimonio con Angelina Jolie, perderebbe immediatamente la custodia dei figli, naturali o adottivi che siano. Nulla, invece, sembra previsto come conseguenza per un eventuale tradimento di Angelina. In caso di separazione, poi, i soldi guadagnati dai due attori prima del matrimonio, rimarrebbero a disposizione di ognuno (circa 390 milioni di dollari per Brad e di circa 110 milioni per Angelina). La coppia ha scelto la separazione dei beni e i guadagni post matrimonio saranno tutti a favore dei figli: Angelina Jolie e Brad Pitt, infatti, hanno costituito un fondo in cui depositare tutti soldi guadagnati dopo il 23 agosto; questi soldi saranno poi suddivisi in sei parti uguali, a favore dei loro sei figli. Dunque: amore sì, ma anche il business vuole la sua parte.

Commenti

commenti